Dhu-l-higgia  1432
Al-Wafāa - n°3
Novembre 2011

Archivio

HOME PAGE
Edizioni del Cālamo Novitā editoriali:


Panoramica
sull'universo
islamico

Quaderni Islamici n.°84

HOME PAGE
Edizioni del Cālamo
Novitā editoriali:


Perchč
tante religioni ?

Quaderni Islamici n.°85

Parole di origine araba - 3 -

Baccello:
da baqėlla che significa fava. E’ il frutto delle leguminose, di solito allungato, contenente ari semi, formate da due valve separatesi spontaneamente a maturitā: comunemente il frutto della fava.

Bagarino:
da bah(a)rėyyun a  sua volta da bāh(a)r che significa mare, perciō marinaio; significa vogatore salariato e, chissā quale fenomeno linguistico di trasferimento di significati, si chiama bagarino un tale che fa incetta di determinati generi, soprattutto di biglietti d’ingresso a pubblici spettacoli, con l’intenzione di rivenderli a prezzi maggiorati.

Baita
da  bāyt che significa casa. Piccola costruzione di legno in alta montagna nelle Alpi. E’ una testimonianza di scorribande saracene  durante il medio evo.
(Da Saraceni nelle Alpi: “Nelle testimonianze della presenza saracena nella cultura delle Alpi, si rinvengono alcune memorie bene assestate all’interno della tradizione folklorica. Si tratta di un patrimonio di grande interesse, che, se pur scarsamente attendibile sul piano storico, risulta utile per una valutazione culturale dell’incontro-scontro tra due realtā cosė diverse" - pag. 71).

Baldacchino
da Baghdād, la capitale dell’impero islamico degli Abbasidi, che nell’italiano medioevale era Baldacco. Drappo sostenuto da un telaio, ai cui fianchi ricade con frange o tendaggi, a protezione di cose o persone sottostanti.

Ballottaggio
da ballųt che significa ghianda; dallo spagnolo ballota, d’origine araba, nel francese ballotāge. Quanto sopra perché una volta le votazioni si facevano con ghiande colorate. Nella toponomastica siciliana c’č Caltabellotta, che č l’italianizzazione dell’arabo qāl’ata-l-ballųt (la fortezza delle querce), comune in provincia di Agrigento.

Balzano
da bālqa che significa variegato di bianco e nero del manto del cavallo pezzato, di natura indocile (detto appunto balzano). Si dice di uomo stravagante e bizzarro.

Bar
da bārran che significa fuori. Arriva in Italia dall’inglese, tolto dall’arabo, usato per indicare la sbarra di appoggio che esisteva, originariamente, in alcuni locali. Locale pubblico dove si consumano caffé e altre bevande, soprattutto al banco. 

Barra
da bārran che significa fuori. Termine marinaresco che serve a indicare l’asta di legno che serve a manovrare il timone delle imbarcazioni.

Borragine
da ābu arāqinin (padre del sudore) pianta a fiori celesti per uso medicinale e di cucina

Bottarga
da batārikh che significa uova di pesce salato. Ovario del muggine, pressato e seccato,  molto apprezzato come antipasto. Una specie di caviale.

Bricco
da ibrėq che significa brocca. Piccolo recipiente con beccuccio e manico.

Torna su
Al-Wafāa - n°3

 

Collana Quaderni Islamici - Ultime uscite - (8.00 € cad):

I Salafiti
(QI 79) 

Giuha
(QI 80)

Sura al-Rahmān
(QI 81)

I Profeti
(QI 82)

Il Cristo
(QI 83)

Edizioni del Cālamo
via Maiocchi 27
20129 Milano
tel/fax: 0229527706
info@edizionidelcalamo.com

© 2011 Edizioni del Cālamo. Tutti i diritti riservati.