LINGUA ARABA
Sesta lezione

14 - Hāmzah

Nella parlata araba c'č un evento fonetico, che consiste in un'interruzione improvvisa e brevissima nel flusso della serie dei suoni, da cui č costi­tuita la parola. Si tratta, dal punto di vista della fonazione, di una occlusione glottale che si verifica dopo una vocale, determinando una brevissima pausa, una cesura, uno iāto.

La parola cesura deriva dal latino caesura, che significa “taglio”.

La parola iāto, dal latino hiatus (apertura), significa: interruzione, soluzione di continuitā.

Occlusione, in fonologia, significa: congiungimento di parti dell’apparato fonatorio fra il labbro e la glottide, con conseguente ostacolo momentaneo al passaggio della voce.

Glottale č l’aggettivo di glottide, che č l’apertura nella parte superiore della laringe interposta alle corde vocali..

Il nome di questo evento fonetico della parlata araba č hāmzah, č di genere femminile e si scrive

هَمْزَة

La hāmzah ha un segno  che č come un piccolo 2 alla rovescia.

ء

La hāmzah puō trovarsi: all'inizio, all'interno o alla fine della parola. Abbiamo, perciō:

hāmzah iniziale,
hāmzah interna,
hāmzah finale.

La hāmzah puō essere associata a sukūn e puō essere con vocale breve e lunga).

 

Hāmzah iniziale

La hāmzah, di cui č stato fatto cenno nella lezione precedente, quando č iniziale, č sempre associata ad una ālif che funge da supporto visivo ad essa.  (terza funzione grafica della ālif: fungere da supporto grafico alla hāmzah iniziale, dopo quello di dare visibilitā grafica alla vocale ā e quello di fare da sostegno al tanwėn della fātḥah):

 
Hāmzah iniziale con le tre vocali brevi.

Nella lingua araba non esiste parola che abbia l’iniziale in sukūn.

Un arabofono di lingua madre araba solo dopo molti esercizi riesce a pronunciare come va pronunciata in italiano la parola TRIESTE, dirā per un pezzo TeRIESTE, cioč vocalizzerā la consonante iniziale (che non č vocalizzata e in arabo č quindi dal punto di vista fonetico in sukūn.


Hāmzah iniziale con le tre vocali lunghe

Nella seconda e nella terza figura (da destra) si vede bene la hāmzah iniziale visibilizzata dalla ālif con la vocale breve e la semi-vocale che ne segnala la lunghezza.

Nella prima figura (da destra) la  lunghezza del suono della vocale a (āaa) dovrebbe essere scritto:

أَا

cioč  la ālif che segnala il suono lungo della vocale a dovrebbe seguire la ālif che sostiene la hāmzah, ma la glottotecnica araba ha semplificato mettendo sulla ālif di sostegno una ālif maddah (lunga) in sostituzione della hāmzah con fātḥah:

آ

Esempio:  آدَمُ
Si legge: Aaaādamu

E’ il nome della prima creatura umana, che Allāh ha creato dall’argilla (terra e acqua): Adamo. Allāh, rifulga lo splendore della Sua Luce, dopo averlo creato ha soffiato in lui il Suo Spirito facendone  persona. In qualsiasi occasione non usate mai l’espressione blasfema essere umano, ma usate l’espressione che indica la vera realtā dell’uomo, vale a dire, dite: creatura umana.

Oltre a essere la prima creatura umana Adam č anche il primo trasmettitore delle regole dell’obbedienza dovuta dalla creatura umana al suo Creatore (l’Islām); egli č il primo “profeta dell’Islām”.

INFORMATIVA

Del corso di fonologia esiste una dispensa corredata da CD con audio del testo.

IL CORSO DI MORFOLOGIA (che avrā, Allāh** volendo, inizio alla chiusura del corso di Fonologia) sarā inviato soltanto a coloro che ne faranno richiesta con l’acquisto di DISPENSA e CD di Fonologia.

 

Per ulteriori spiegazioni inoltrare richiesta a

info@edizionidelcalamo.com

 

Torna su
Al-Wafāa - n°8

Corso di lingua araba - Metodo di al-Shāykh 'abdu r-Rahmān Pasquini:


1 - Fonologia
Manuale + 1 CD
(34,00 € + spese postali)


2 - Il verbo
Manuale + 2 CD
(43,00 € + spese postali)
 
Prossima uscita: 3 - Il nome

Edizioni del Cālamo
via Maiocchi 27
20129 Milano
tel/fax: 0229527706
info@edizionidelcalamo.com

© 2012 Edizioni del Cālamo. Tutti i diritti riservati.