159) Il Panegirico di cento versi Ingrandisci

159) Il Panegirico di cento versi

Il profeta Muhàmmad, che Allàh lo benedica e l'abbia in gloria, celebrato in un poemetto panegirico di 100 parole, scritto dall'imperatore cinese Hong Wu, fondatore della dinastia Ming [1368]. Testo in cinese, arabo, inglese e italiano. Un rapido colpo d'occhio finale sulle molto preoccupanti condizioni attuali dei Musulmani in Cina, che vivono in una Repubblica governata dal Partito Comunista.

Maggiori dettagli

qi159

9,00 €

Il profeta Muhàmmad, che Allàh lo benedica e l'abbia in gloria, celebrato in un poemetto panegirico di 100 parole, scritto dall'imperatore cinese Hong Wu, fondatore della dinastia Ming [1368]. Testo in cinese, arabo, inglese e italiano. Un rapido colpo d'occhio finale sulle molto preoccupanti condizioni attuali dei Musulmani in Cina, che vivono in una Repubblica governata dal Partito Comunista.

Al momento non ci sono commenti da parte di clienti.

Scrivi il tuo commento

159) Il Panegirico di cento versi

159) Il Panegirico di cento versi

Il profeta Muhàmmad, che Allàh lo benedica e l'abbia in gloria, celebrato in un poemetto panegirico di 100 parole, scritto dall'imperatore cinese Hong Wu, fondatore della dinastia Ming [1368]. Testo in cinese, arabo, inglese e italiano. Un rapido colpo d'occhio finale sulle molto preoccupanti condizioni attuali dei Musulmani in Cina, che vivono in una Repubblica governata dal Partito Comunista.

Scrivi il tuo commento

\n\n